L'Archivio di Stato fu istituito dalla Repubblica democratica lucchese il 27 agosto 1804 e fu trasferito nel 1859 dalla prima sede, nel complesso conventuale di San Romano, al palazzo dei Guidiccioni, già acquistato nel 1822 dalla duchessa Maria Luisa di Borbone, destinato inizialmente soltanto all'archivio notarile, ed in seguito occupato del tutto dall'Archivio di Stato nel 1884.

L'Archivio è dotato di una sede sussidiaria, presso i vecchi Pubblici Macelli, dove si trovano conservati alcuni dei fondi archivistici di maggiore dimensione, tra cui: Archivio dei Notari, Catasto e Prefettura.

Il logo è tratto da una filigrana lucchese del XIV secolo Consiglio Generale, 6.

Sala studio

Orario di apertura al pubblico delle sale di studio

Sede centrale
LUNEDÌ dalle ore 8.00 alle ore 13.00 e dalle 14.00 alle 19.00
MARTEDÌ dalle ore 8.00 alle ore 16.45
MERCOLEDÌ, GIOVEDÌ, VENERDÌ e SABATO dalle ore 8.00 alle ore 13.00

Sede sussidiaria
VENERDÌ dalle ore 8.00 alle ore 13:00 su prenotazione (telefonare al 0583/491465-469396)

Le prenotazioni si accettano dal venerdì al giovedì per il venerdì successivo.
Chi non si presenta senza aver disdetto dovrà saltare un turno.

Nel mese di agosto e nel periodo natalizio, per qualche giorno, l'apertura delle sale subisce limitazioni: le date sono rese note almeno quindici giorni prima tramite quotidiani, sito web (in AVVISI) e comunicazione affissa in Istituto.

Eventuali variazioni d'orario vedi AVVISI

Il 14 settembre o il 12 luglio l'Archivio chiude per festività patronali

Per maggiori informazioni si rimanda al sito